PSR Campania comunica

Csr Campania 23-27 Intervento [SRD02] Investimenti produttivi agricoli per ambiente, clima e benessere animale

L’intervento [SRD02] Investimenti produttivi agricoli per ambiente, clima e benessere animale del CSR Campania 23-27 concorre al conseguimento dei seguenti Obiettivi specifici (OS) della PAC 23-27:

– OS2 Migliorare l’orientamento al mercato e aumentare la competitività dell’azienda agricola nel breve e nel lungo periodo, anche attraverso una maggiore attenzione alla ricerca, alla tecnologia e alla digitalizzazione;

– OS4 Contribuire alla mitigazione dei cambiamenti climatici e all’adattamento a essi, anche attraverso la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra e il miglioramento del sequestro del carbonio, nonché promuovere l’energia sostenibile;

– OS5 Favorire lo sviluppo sostenibile e un’efficiente gestione delle risorse naturali come l’acqua, il suolo e l’aria, anche attraverso la riduzione della dipendenza chimica;

– OS9 Migliorare la risposta dell’agricoltura dell’Unione alle esigenze della società in materia di alimentazione e salute, compresi gli alimenti di qualità elevata, sani e nutrienti prodotti in maniera sostenibile, la riduzione degli sprechi alimentari nonché il miglioramento del benessere degli animali e la lotta alle resistenze agli antimicrobici.

 

DOTAZIONE FINANZIARIA


€ 40.000.000,00 (di cui € 20.200.000,00 in quota FEASR)

 

AMBITO DI APPLICAZIONE TERRITORIALE


Tutto il territorio regionale

 

BENEFICIARI


Imprenditori agricoli, singoli o associati, ai sensi dell’art. 2135 del Codice civile, con l’esclusione degli imprenditori che esercitano esclusivamente attività di selvicoltura e acquacoltura ovvero imprenditori che, tenuto conto della suddetta esclusione, esercitano l’attività di coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse

 

FINALITA’


L’intervento [SRD02] si prefigge di potenziare le performance climatico-ambientali delle aziende agricole ed il miglioramento del benessere animale negli allevamenti. A tale scopo, fornisce sostegno ad investimenti, anche innovativi e mirati alla digitalizzazione dei processi, da realizzare nell’ambito del ciclo produttivo aziendale e che, pur potendo comportare un aumento del valore o della redditività aziendale, si caratterizzino per una chiara e diretta connessione con gli obiettivi specifici della PAC in materia di ambientale, clima e benessere animale e vadano oltre il mero adeguamento ai corrispondenti standard in uso e/o alle norme esistenti.

L’intervento si articola in quattro distinte azioni:

– A) Investimenti per la mitigazione dei cambiamenti climatici;

– B) Investimenti per la tutela delle risorse naturali;

– C) Investimenti irrigui;

– D) Investimenti per il benessere animale.

L’Azione A) sostiene gli investimenti per la razionalizzazione di processi produttivi agricoli che riducano l’emissione di gas climalteranti (metano e protossido di azoto) e altri agenti inquinanti dell’aria (ammoniaca) e/o che aumentino la capacità di sequestro di carbonio nel suolo. Tra l’altro, finanzia gli investimenti per: la realizzazione di coperture delle strutture di stoccaggio degli effluenti di allevamento e strutture non fisse di stoccaggio degli effluenti di allevamento (c.d. storage bag), che vanno oltre il rispetto degli obblighi della “Direttiva nitrati” e si distinguono per un’elevata efficacia nella riduzione delle emissioni di ammoniaca; la realizzazione di impianti per la produzione di energia (elettrica e/o termica) da fonti rinnovabili, favorendo in particolare l’utilizzo di prodotti e sottoprodotti di origine agricola, zootecnica e forestale.

L’Azione B) supporta gli investimenti volti alla tutela qualitativa delle acque, alla gestione sostenibile e razionale dei prodotti fitosanitari nonché gli investimenti per la tutela del suolo in termini di fertilità, struttura e qualità del suolo stesso, anche al fine di ridurne i rischi di degrado, inclusi l’erosione ed il compattamento. Tra l’altro, finanzia gli investimenti per l’acquisto di attrezzature che impediscono l’inquinamento puntale da prodotti fitosanitari in agricoltura, quali ad esempio i biobed.

L’Azione C) sostiene gli investimenti che mirano ad un uso efficiente e sostenibile delle risorse irrigue. Tra l’altro, finanzia gli investimenti aziendali per il miglioramento, rinnovo e ripristino di impianti irrigui aziendali che comportino un risparmio nell’utilizzo di risorse idriche nonché gli investimenti che promuovono lo stoccaggio e il riuso di tali risorse, anche nell’ottica di garantire l’irrigazione di soccorso in periodi di scarsa disponibilità.

L’Azione D) supporta gli investimenti aziendali che favoriscono l’evoluzione degli allevamenti verso un modello più sostenibile ed etico, anche attraverso l’introduzione di sistemi di gestione innovativi e di precisione che incrementino il benessere degli animali e la biosicurezza, anche con riferimento all’antimicrobico resistenza. Inoltre, finanzia gli investimenti per adeguare la fornitura di acqua e mangimi secondo le esigenze naturali dell’allevamento, per la cura degli animali ed il miglioramento delle condizioni abitative (come l’aumento delle disponibilità di spazio, le superfici dei pavimenti, i materiali di arricchimento, la luce naturale) nonché per offrire accesso all’esterno agli animali.

 

CUMULABILITA’ CON ALTRI INTERVENTI


L’intervento [SRD02] si collega, in modo sinergico e complementare, ad altri interventi del CSR Campania 23-27 rivolti alle aziende agricole e che possono avere sia finalità competitive che ambientali. Inoltre, può esercitare un ruolo di accompagnamento e rafforzamento, se non anche propedeutico, per gli interventi che prevedono impegni di gestione in materia di ambiente, clima e benessere animale.

Nello specifico, l’intervento [SRD02] agisce sinergicamente con gli interventi [SRD01] Investimenti produttivi agricoli per la competitività delle aziende agricole, [SRD03] Investimenti nelle aziende agricole per la diversificazione in attività non agricole e [SRD06] Investimenti per la prevenzione ed il rispristino del potenziale produttivo agricolo.

In materia di investimenti irrigui aziendali, l’intervento [SRD02] opera in complementarità con quanto previsto sullo stesso tema nell’intervento [SRD01] e può essere combinato con altri interventi del CSR attraverso la progettazione integrata.

 

CRITERI DI AMMISSIBILITA’


– Sono ammissibili a sostegno gli investimenti che perseguono una o più delle finalità di una o più delle azioni A, B, C e D illustrate nella sezione “Finalità”.

– Sono ammissibili a sostegno tutti i comparti produttivi connessi alla produzione dei prodotti agricoli elencati nell’Allegato I del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE), con l’esclusione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura.

– Ai fini dell’ammissibilità è necessario che la domanda di sostegno sia corredata dalla presentazione di un progetto di investimento e/o di un piano aziendale volto a fornire elementi per la valutazione della coerenza dell’operazione per il raggiungimento delle finalità dell’intervento.

– Non sono eleggibili al sostegno operazioni di investimento per le quali la spesa ammissibile è al sotto dell’importo minimo di € 20.000,00.

– Il contributo pubblico erogabile per beneficiario, nell’intero periodo di programmazione, non può superare € 1.500.000,00.

Per gli investimenti irrigui (Azione C) e gli investimenti in impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili (Azione A) sono previsti specifici criteri di ammissibilità descritti nella scheda dell’intervento [SRD02] della versione in corso del CSR Campania.

 

IMPEGNI PREVISTI


I beneficiari si impegnano a:

– realizzare l’operazione di investimento oggetto di sostegno conformemente a quanto definito con atto di concessione dall’Autorità di Gestione regionale (AdGR), fatte salve eventuali varianti e/o deroghe stabilite dalla stessa;

– assicurare la stabilità dell’operazione per almeno 5 anni e alle condizioni stabilite dall’AdGR nei documenti attuativi del CSR.

 

ENTITA’ DEL SOSTEGNO


L’intervento [SRD02] è attuato esclusivamente attraverso l’erogazione di sovvenzioni in conto capitale e utilizzando quali forme di sostegno il rimborso di spese effettivamente sostenute e i costi standard.

Ai sensi dell’art. 73 del Regolamento (UE) n. 2021/2015, l’aliquota ‘base’ di sostegno rispetto alla spesa ammissibile a contributo è pari al 65%.

L’aliquota di sostegno è aumentata:

– al 75% nel caso di progetto di investimenti presentato da giovane agricoltore;

– all’80% nel caso di investimenti finalizzati alla riduzione delle emissioni e al risparmio idrico (comma 4, lettera a), del Reg. (UE) n. 2115/2021);

– fino ad un massimo dell’80%, elevabile ad 85%, per progetti presentati da piccole aziende agricole (comma 4), lettera a) e b), del Reg. (UE) n. 2115/2021).

 

Le informazioni pubblicate in questa pagina sono state tratte dalla scheda dell’intervento [SRD02] del CSR Campania 23-27 – versione 1.0 (clicca QUI e, una volta nel sommario, vai al capitolo 9 “Interventi di sviluppo rurale programmati – schede intervento”).


SOMMARIO SCHEDE


CSR CAMPANIA 23-27

Foto tratta da pixabay.com

L’articolo Csr Campania 23-27 Intervento [SRD02] Investimenti produttivi agricoli per ambiente, clima e benessere animale proviene da PSR Campania Comunica.

https://psrcampaniacomunica.it/utilita/schede/csr/csr-campania-23-27-intervento-srd02-investimenti-produttivi-agricoli-per-ambiente-clima-e-benessere-animale/

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *