Biologico Olivicoltura

Mosca dell’olivo: monitoraggio dell’infestazione

La Mosca dell’olivo è la principale avversità che colpisce questa coltura, se escludiamo la Xylella fastidiosa, ed è in grado di causare seri danni alla produzione. Primo fra tutti, la distruzione diretta della polpa dovuta all’attività delle larve; segue la cascola delle drupe infestate, che indirettamente ha una ricaduta sulla qualità delle olive e dell’olio.

La perdita di polpa costituisce un danno di misura ridotta: non supera infatti il 3-5% del peso fresco. La cascola delle olive è economicamente più importante, perché può colpire una parte consistente del raccolto.

In che modo gli strumenti dell’Agricoltura 4.0 possono aiutare agricoltori e tecnici ad applicare efficaci strategie di difesa contro l’insetto?

I modelli previsionali

I modelli permettono di combattere la Mosca nel momento opportuno per rendere il trattamento più efficace. La loro consultazione consente infatti di programmare con netto anticipo, nel corso della stagione produttiva, le strategie di lotta da intraprendere sia in regime convenzionale che biologico e le attività di monitoraggio in campo.

Ecco quali sono quelli disponibili in OLIWES, la soluzione di Agricolus per la gestione dell’oliveto.

Modello mortalità

Il modello effettua una stima giornaliera della mortalità giovanile (uova, larve e pupe) causata da condizioni ambientali avverse: le forme immature di mosca sono infatti molto sensibili alle temperature massime elevate che possono verificarsi nei mesi estivi.

Viene calcolata la mortalità giornaliera sulla base dei dati meteo misurati dalla stazione di riferimento. Questo dato viene poi cumulato settimanalmente per valutare il controllo, effettuato dall’ambiente, sulla popolazione dell’insetto.

Nelle annate particolarmente calde e nelle aree interne che meno risentono dell’effetto mitigante del mare, la conoscenza del grado di mortalità può fornire informazioni utili sulla percentuale di popolazione morta per “cause naturali” e far risparmiare il trattamento di controllo.

Continua a leggere su agricolus.com

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.