PSR Campania comunica

Psr Campania, bandi di febbraio: ecco le opportunità in arrivo

Nell’ambito del periodo transitorio del Psr, la Regione Campania ha pubblicato nei giorni scorsi le pre-informative dei bandi di attuazione delle tipologie d’intervento 3.2.1, 5.1.1 (azione A), 8.1.1 e 16.7.1 (azione B) che saranno emanati entro il mese di febbraio come da calendario pubblicato il 28 dicembre 2021 (per saperne di più clicca QUI).

Di seguito un’anticipazione dei prossimi bandi, la cui dotazione finanziaria complessiva sarà pari a 22,1 milioni di euro.

 

Tipologia 3.2.1 “Sostegno per attività di informazione e promozione svolte da associazioni di produttori

Con il bando in uscita a febbraio la Regione Campania metterà a disposizione circa 2,3 milioni di euro per la realizzazione di azioni volte a sensibilizzare i consumatori del mercato interno (Ue) sulle caratteristiche dei prodotti agricoli e agroalimentari  indicati nell’allegato 1 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (Tfue) e tutelati dai regimi di qualità indicati nell’articolo 16, paragrafo 1, del Reg. (Ue) n. 1305/2013 (tra cui Dop, Igp e Stg e le denominazioni di origine e indicazioni geografiche nel settore vitivinicolo).

In pratica, saranno sostenute le azioni che migliorino nei consumatori la conoscenza dei prodotti che rientrano nei sistemi di qualità, mettendo in rilievo, tra l’altro, le caratteristiche e i vantaggi specifici in termini di proprietà alimentari (caratteristiche chimiche, fisiche, organolettiche e nutrizionali), gli elevati standard di sicurezza igienico-sanitaria, l’etichettatura, la rintracciabilità, i metodi di produzione e il rispetto degli standard prescritti per la tutela del benessere animale e dell’ambiente.

Sono finanziabili anche le azioni di valorizzazione dei prodotti di qualità che mirano ad indurre gli operatori economici e/o i consumatori all’acquisto attento e responsabile di un determinato prodotto, creando nuove opportunità di mercato.

Sono escluse dal finanziamento le azioni di informazione e promozione che riguardano marchi commerciali.

Il bando sarà riservato alle associazioni di produttori, vale a dire gli organismi che riuniscono operatori attivi in uno o più dei regimi di qualità contemplati dal già citato Reg. (Ue) n. 1305/2013.

Per la pre-informativa completa del bando clicca QUI

 

Tipologia 5.1.1 “Prevenzione danni da avversità atmosferiche e da erosione dei suoli agricoli in ambito aziendale ed extra-aziendale” – azione A “Riduzione dei danni da avversità atmosferiche sulle colture e del rischio di erosione in ambito aziendale”

La dotazione finanziaria del bando di prossima pubblicazione ammonterà a 5 milioni di euro. L’Amministrazione regionale sosterrà di investimenti aziendali effettuati da agricoltori singoli e associati e volti alla:

  • riduzione dei danni da grandine sulle produzioni agrarie attraverso l’installazione di impianti antigrandine;
  • prevenzione del rischio di dissesto idrogeologico ed erosione localizzati del suolo, che potrebbero verificarsi a seguito di avversità atmosferiche, attraverso la realizzazione di opere di ingegneria naturalistica (viminate, fascinate e palizzate) e/o canali di scolo.

Si tratta, dunque, di interventi che non si configurano come miglioramenti fondiari (finanziati nella sotto-misura 4.1), ma che hanno una finalità di prevenzione delle calamità meteo-climatiche.

Attenzione: mentre gli investimenti per l’installazione di impianti antigrandine sono ammissibili sull’intero territorio regionale, gli investimenti che prevedono la realizzazione di opere di ingegneria naturalistica e/o canali di scolo sono ammissibili solo per le aziende agricole ubicate nelle aree a rischio o pericolo idro-geologico elevato/molto elevato R3/P3 e R4/P4 , come individuate dai Piani di assetto idrogeologico (Psai) approvati dal Distretto idrografico dell’Appennino Meridionale (ex Autorità di Bacino regionali e interregionali operanti in Campania).

Per la pre-informativa completa del bando clicca QUI

 

Tipologia 8.1.1 “Imboschimento di superfici agricole e non agricole” (solo per i costi di impianto)

Nelle prossime settimane la Regione Campania metterà a bando 1 milione di euro per la realizzazione di imboschimenti permanenti e impianti di arboricoltura da legno su terreni agricoli e non agricoli allo scopo di contribuire alla mitigazione dei cambiamenti climatici attraverso il sequestro del carbonio, alla difesa del territorio e del suolo, alla prevenzione dei rischi naturali, alla regimentazione delle acque nonché alla conservazione e tutela della biodiversità.

Nel dettaglio, potranno essere finanziati i seguenti interventi:

  • Realizzazione di boschi misti di origine artificiale assimilabili nella loro conformazione finale a boschi naturali e, come tali, assoggettati ai vincoli ed alle norme forestali (azione A – Imboschimento di superfici agricole e non agricole)
  • Realizzazione di impianti di arboricoltura da legno con un ciclo che, a seconda della specie e delle condizioni stazionali, può variare da 20 a 40 anni. A conclusione del ciclo colturale, i terreni potranno nuovamente essere destinati ad uso agricolo (azione B – Impianti di arboricoltura da legno a ciclo medio‐lungo su superfici agricole e non agricole).
  • Realizzazione di impianti di arboricoltura da legno con specie anche clonali a rapido accrescimento a ciclo breve. A conclusione del ciclo – a seconda della specie e delle condizioni stazionali, può variare da 8 a 15 anni – i terreni potranno nuovamente essere destinati ad uso agricolo (azione C – Impianti di arboricoltura da legno a ciclo breve su superfici agricole e non agricole).

Il bando sarà riservato ai proprietari o agli altri possessori, sia pubblici che privati, della superficie interessata dagli interventi, anche in forma associata. Tra i titoli di possesso è escluso il comodato d’uso. In caso di terreni demaniali, il sostegno potrà essere concesso solo se l’organismo di gestione è un ente privato o un Comune.

Per la pre-informativa completa del bando clicca QUI

 

Tipologia 16.7.1 “Sostegno a strategie di sviluppo locale di tipo non partecipativo” – azione B “Attuazione della Strategia nazionale per le aree interne (Snai) – Realizzazione degli interventi”

Con questa tipologia d’intervento il Psr sostiene l’attuazione della Strategia nazionale per le aree interne (Snai) in ambito agro-forestale.

Entro il mese di febbraio l’Amministrazione regionale emanerà un bando, dell’importo di 13,8 milioni di euro, per la realizzazione, attraverso lo strumento della sovvenzione globale previsto nell’articolo 35, paragrafo 6, del Regolamento (Ue) n. 1305/2013, degli interventi definiti nelle strategie di sviluppo sostenute dall’azione A della tipologia 16.7.1.

Nello specifico l’azione B, oggetto del bando di prossima emanazione, intende favorire l’introduzione di soluzioni innovative per migliorare le condizioni economiche, sociali e/o ambientali delle “aree pilota” Alta Irpinia e Vallo di Diano e, più in generale, la governance locale attraverso azioni, realizzate da partenariati pubblico-privati, in uno o più dei seguenti ambiti di cooperazione: supporto alla competitività delle filiere agricole, forestali e zootecniche; promozione e valorizzazione della capacità di attrazione del turismo rurale; salvaguardia degli elementi del paesaggio agro-forestale; tutela e valorizzazione dei prodotti di identità locale; miglioramento dei servizi di base alla persona; valorizzazione e gestione delle risorse ambientali e naturali; sostegno alla produzione di energia da fonti rinnovabili.

Il bando sarà dunque riservato alle associazioni di partner pubblici e privati delle “aree pilota” Alta Irpinia e Vallo di Diano già ammessi nell’ambito dell’azione A ed eventualmente ampliati per l’acquisizione di nuove adesioni.

Per la pre-informativa completa del bando clicca QUI

 

https://psrcampaniacomunica.it/news/primo-piano/psr-campania-bandi-di-febbraio-ecco-le-opportunita-in-arrivo/

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.